Iceberg non è libera, è ancora nel braccio della morte

11 LUG 2017 — Iceberg non è libera. È in prigione. Le autorità danesi avevano garantito il 28 giugno che sarebbe tornata in Italia. Ad oggi la cagnolina di Giuseppe è ancora nel braccio della morte. È passato più di un mese dal suo sequestro. La polizia danese continua a negare al suo padrone la possibilità di andarla a trovare. Bisogna rimanere uniti e lottare ancora per la sua libertà. Facciamo girare questa petizione e questo appello ovunque. Devono sapere tutti la verità. https://www.facebook.com/rinaldosidoli/ (Fonte Change.org)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *