Piemonte, cacciatori sparano alla fauna in fuga dagli incendi

“Gli incendi che divampano nelle vallate piemontesi da una settimana stanno mettendo a dura prova boschi ed ecosistemi montani, già messi in crisi dalla perdurante mancanza di precipitazioni.

Roghi quasi sempre di origine dolosa, favoriti dalla perdurante siccità e dal vento dei giorni scorsi. Cui si aggiunge un fatto gravissimo: cacciatori che aspettano la fauna in fuga per sparargli”.

Lo denuncia oggi la Lipu-BirdLife Italia, preoccupata della grave situazione che si è creata nella regione. L‘aria è resa quasi irrespirabile dal fumo che avvolge i fondovalle e arriva a decine di chilometri di distanza. La Valle di Susa e le valli del Pinerolese, ma anche nel Cuneese e oggi anche la collina di Torino, bruciano e le fiamme, in molti casi, minacciano le abitazioni, mettendo a rischio l’incolumità delle persone che abitano quei luoghi: molti hanno dovuto abbandonare le proprie case e si conta anche una vittima, un giovane che tentava di difendere il proprio terreno dal fuoco. E, come se non bastasse, la fauna è messa in fuga dalle fiamme e nel fumo trova le doppiette di cacciatori scellerati che approfittano degli spostamenti degli animali terrorizzati per fare carneficine. “Le aree percorse da incendi e le zone limitrofe devono essere tutelate in modo più rigido contro la scriteriata voglia di uccidere di pochi – afferma Riccardo Ferrari, consigliere della Lipu – che mettono oltretutto a rischio l’incolumità del personale che opera per contrastare gli incendi.“Ai vigili del fuoco e ai volontari Aib (Anti incendi boschivi) – prosegue il consigliere della Lipu – va il nostro sostegno, ancor più in questo momento in cui l’accorpamento del Corpo Forestale con i Carabinieri, appena realizzato ma che ancora stenta ad essere pienamente operativo, non aiuta certo le azioni di salvaguardia del patrimonio naturale delle nostre valli, vero scrigno di biodiversità e preziosa eredità che stiamo sempre più mettendo a repentaglio”. Le condizioni meteorologiche non aiutano e non fanno prevedere un cambiamento significativo nei prossimi giorni. “Nella speranza che i responsabili di queste devastazioni possano venir assicurati alla giustizia e che la situazione torni sotto controllo – conclude Ferrari – ci appelliamo all’amministrazione regionale affinché metta in atto i provvedimenti necessari a tutelare la fauna selvatica e gli ambienti naturali, sospendendo la stagione venatoria, che già non avrebbe neppure dovuto essere aperta date le condizioni di stress ambientale che perdurano da ormai tutta l’estate”. (FONTE LIPU)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *